Crisi del medico: al convegno di sabato i risultati del sondaggio

Un sondaggio racconta la crisi della professione medica: sabato la presentazione dei dati
Valuta o ha già deciso di andarsene all’estero il 71% di chi ha risposto

Sabato 1 giugno 2019 nella Sala San Domenico della Scuola Grande di San Marco (Ospedale Civile di Venezia) si svolgerà un importante convegno dal titolo Verso gli Stati generali… Medicina Meccanica 2.0: il medico e il suo non tempo, organizzato dall’Ordine Provinciale dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Venezia, mediante la sua Fondazione Ars Medica.

Ne corso della mattinata di studio – intorno alle ore 9.30 – saranno resi noti i risultati di un sondaggio scientifico originale sulla condizione medica, uno dei pochi condotti in Italia sul tema, realizzati tra gli iscritti all’Ordine dal 19 aprile al 6 maggio, affidato ad un’istituzione esterna nota a livello nazionale per la sua serietà professionale: la CGIA di Mestre.

Il questionario è stato realizzato per capire come medici e odontoiatri vivano i cambiamenti profondi che stanno attraversando la professione. Cambiamenti che fanno parlare da tempo di “crisi del medico” e di “questione medica” e i cui effetti sono sotto gli occhi di tutti: le continue aggressioni al personale sanitario, le restrizioni all’autonomia professionale, le richieste stringenti dei pazienti divenuti sempre più esigenti, solo per citarne alcuni.
Circa 500 i colleghi, dipendenti, convenzionati o liberi professionisti, che nel giro di pochissimi giorni hanno compilato il questionario: un’adesione ben al di sopra di ogni aspettativa che sottolinea quanto i problemi posti siano sentiti dalla classe medica.
Tra quelli che saranno analizzati sabato mattina, un dato spicca come sintomo della sofferenza profonda della categoria: alla domanda “Stai pensando di andare all’estero?” ben il 71% di chi ha risposto, medici e odontoiatri sotto i 55 anni, ha detto: “sto valutando l’ipotesi” o “l’ho già deciso”.

Il convegno del primo giugno sarà un momento di sintesi di un lungo percorso di approfondimento – passato attraverso le 4 serate dei mercoledì filosofici e l’evento Ghost Wednesday. Il nuovo medico anticipato dal cinema del 17 aprile scorso – affrontato in questi mesi dall’Ordine veneziano, in collaborazione con il Dipartimento di Filosofia dell’Università Ca’ Foscari di Venezia, per cogliere l’appello lanciato dalla FNOMCeO, la Federazione Nazionale, a dare il proprio contributo agli Stati Generali della Professione in corso di svolgimento a Roma, partendo dalle 100 Tesi proposte dal sociologo Ivan Cavicchi, che parteciperà attivamente anche alla mattinata veneziana.

Oltre al presidente dell’Ordine di Venezia e vicepresidente della FNOMCeO Giovanni Leoni e al direttivo della Fondazione Ars Medica – la presidente Ornella Mancin, il vice Gabriele Gasparini e il coordinatore del Comitato Scientifico Marco Ballico – saranno presenti per l’occasione :

  • Roberto Monaco, Segretario FNOMCeO
  • Gianluigi D’Agostino, Tesoriere FNOMCeO
  • Enrico De Pascale, Direttore Generale FNOMCeO
  • Giuliano Nicolin, Presidente della Commissione Albo Odontoiatri OMCeO Venezia
  • Maurizio Scassola, Vicepresidente OMCeO Venezia,
  • Giuseppe Dal Ben, Direttore Generale Ulss 3 Serenissima
  • Carlo Bramezza, Direttore Generale Ulss 4 Veneto Orientale
  • Simone Venturini, Assessore alla Coesione Sociale del Comune di Venezia
  • Giancarlo Pizza, Presidente OMCeO Bologna
  • Alberto Cestari, Cgia Mestre
  • I filosofi Luigi Vero Tarca e Fabrizio Turoldo dell’Università Ca’ Foscari di Venezia
  • Tiziana Mattiazzi, Socio LAI (Libera Associazione di Idee)
  • Roberto Valle, Direttore medico di Cardiologia Chioggia
  • Le due giovani dottoresse Brenda Menegazzo e Gaia Zagolin

Qui le altre info sul convegno

Il nostro comunciato ripreso anche dal Portale FNOMCeO e dalla rivista on line di settore "Quotidiano Sanità"

Segreteria OMCeO Ve
Categoria News: 
Notizie medici
Pagina visitata 201 volte