Vaccini. Ospiti discutibili al convegno del Comune di Verona

Purtroppo il caso non è nuovo: istutizioni pubbliche che, più o meno consapevolmente, patrocinano eventi di spiccata ispirazione antivaccinista. In Veneto era già successo, per esempio, a Rovigo nel giugno scorso, scatenando le ire del presidente dell'Ordine Francesco Noce, che aveva parlato di "forte preoccupazione per una falsa par condicio" che mette sullo stesso piano evidenze scientifiche e chiacchiere. Questa volta il caso scoppia a Verona dove il consiglio comunale promuove un incontro dal titolo Qual è l’importanza ed efficacia dell’obbligo vaccinale? in cui, tra i relatori, compaiono anche un medico radiato e un omeopata non più iscritto all'albo. Indignata e, anche in questo caso, non a torto, la reazione del presidente dell'OMCeO Verona Roberto Mora, che scrive questa lettera, pubblicata lo scorso 12 dicembre, alla rivista on line Quotidiano Sanità.

Clicca qui per leggere l'articolo su Quotidiano Sanità

Gentile direttore,
l’Ansa il 6 dicembre scorso riportava la notizia che i ragazzi del liceo linguistico Amaldi di Novi Ligure, hanno scelto di vaccinarsi contro l'influenza per proteggere un compagno di classe che sta lottando contro un tumore. Il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin commentando il fatto su Facebook ha scritto: "Desidero fare i miei più sinceri complimenti agli studenti della classe V E del Liceo linguistico Amaldi di Novi Ligure, che per proteggere dal virus dell'influenza un loro compagno, che sta lottando contro un tumore, si sono tutti vaccinati. Stamattina ho parlato con il Preside e la Docente che ha sensibilizzato i ragazzi sull'importanza del concetto di immunità di gregge. È una storia esemplare, bellissima, di senso civico e generosità che parte dai giovani".  
  
Giovedì 14 dicembre il Comune di Verona “in collaborazione con il Comitato Genitori Attenti”, organizza un incontro dal titolo “Qual è l’importanza ed efficacia dell’obbligo vaccinale?”. Partecipano all’incontro come relatori il Dott. Dario Miedico “Medico Chirurgo, epidemiologo, Medico Legale e Medico del lavoro” (recentemente radiato dall’Ordine dei Medici di Milano), il nostro collega Dott. Dott. Paolo Biban, Medico Pediatra e e Neonatologo Direttore della Pediatria ad Indirizzo Critico dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona, l’Avvocato Christian Serpelloni del foro di Verona ed esperto sugli aspetti applicativi della Legge 119/2017 ed il Dott. Paolo Bellavite, laureato in Medicina e Chirurgia, appassionato di omeopatia e medicine complementari, da qualche anno non più iscritto all’albo dei medici. 
  
Credo che la maggior parte dei lettori ricordi la diatriba tra la nostra Regione (il Veneto) ed il Ministero della Salute circa la moratoria vaccinale che la prima avrebbe voluto applicare e la sentenza della Corte Costituzionale che ha ribadito la supremazia dello stato in tale ambito. 
Ma al di là della questione giuridica, che come medico mi può interessare solo marginalmente, quello che mi meraviglia è il fatto che un Comune importante come quello di Verona, con l’assenso credo, della sua più alta autorità sanitaria, il Sindaco, si faccia promotore di un evento informativo sanitario nel quale dei tre professionisti sanitari invitati come relatori uno abbia subito una sentenza di condanna (la radiazione) seppure in primo grado di giudizio, l’altro sia un laureato che non esercita da anni la professione, e che non abbia pensato a coinvolgere nell’organizzazione dell’evento quelli che dovrebbero essere i referenti istituzionali o comunque i più accreditati: nel nostro caso le strutture del Servizio Sanitario Nazionale e Regionale, l’Università, l’Ordine dei Medici. 
  
Non so quali saranno gli argomenti che verranno trattati, ma posso anche immaginarli. Come medico cerco sempre di affidarmi alla scienza. Questa non è certezze, ma dubbi! Senza i dubbi non vi sarebbe progresso e si rischierebbe l'immobilismo. Ma per procedere sulle sue vie occorre un metodo che ci permetta di riconoscere quelle che sono le strade sbagliate. Quel metodo l'ha proposto per primo Galileo, qualche secolo fa ed è ormai conosciuto da tutti come metodo scientifico. Le persone ed anche i colleghi che parlano contro i vaccini spesso sembrano ignorarlo. E sembrano anche dimenticarsi del significato del termine solidarietà
  
Per concludere: se ripenso alla notizia Ansa che le citavo sopra e al convegno organizzato dal nostro comune, a meno che il tutto non sia frutto di una svista o di una scelta frettolosa, preferirei avere come Sindaco la Docente della V E del Liceo linguistico Amaldi di Novi Ligure, e consiglierei al Sindaco di Verona di frequentare la scuola di Novi Ligure. 
  
Roberto Mora, Presidente OMCeO di Verona

Segreteria OMCeO Ve
Categoria News: 
Dalla Rete
Pagina visitata 409 volte